Published On: 19/08/2021Categorie: Approfondimenti, News

Si è spenta questo mese, il 3 agosto all’età di 102 anni Cele. Vogliamo ricordarla per il suo spirito attento ai bisogni della società che l’ha portata a sostenere ed incentivare importanti progetti nel nostro territorio, in ambito sociale, culturale, scientifico e accademico.  

Nata a Milano nel 1919, Cele è stata testimone delle devastanti conseguenze della seconda guerra mondiale, negli anni in cui lavorava come infermiera nella città del nord Italia più colpita dai bombardamenti.  

È grazie alla professione in ambito sanitario che ha conosciuto suo marito Aldo Daccò, un importante imprenditore edile il quale, a seguito di un incidente, è stato affidato a Cele per la riabilitazione. Quotidiani incontri di cure hanno fatto nascere un sentimento che li ha tenuti uniti per tutta la vita.  

A causa della situazione di insicurezza che aleggiava a Milano, Aldo e Cele si trasferiscono in Canton Ticino dove si sposano, ed è proprio nel nostro Cantone che entrambi si impegnano a sostenere, attraverso ingenti somme, progetti tra i quali il finanziamento della Facoltà di Teologia a Lugano, dell’università della Svizzera italiana USI e della Scuola Universitaria Professionale SUPSI.  

Anche noi di cenpro ringraziamo Cele e la Fondazione Daccò per avere creduto ed appoggiato il nostro progetto. Un sentito GRAZIE. 

 

 

 

 

NEWS RECENTI

Inflazione: come affrontarla?

30/05/2022|

Nei tempi recenti si parla molto di inflazione. Come sono toccate le fondazioni erogative? Quali i meccanismi e le riflessioni da fare per trovare le strategie adeguate per operare in un mutato regime economico?   [...]

Un 2021 dinamico per le fondazioni

25/05/2022|

È stato un anno ricco di novità il 2021 secondo lo Schweizer Stiftungsreport 2022, il rapporto svizzero delle fondazioni. Fra gli avvenimenti importanti segnaliamo la pubblicazione del nuovo Swiss Foundation Code 2021, la liquidazione dell’iniziativa [...]